Storie migranti, le ragioni degli altri

StorieMigrantiE’ il titolo della giornata di approfondimento sui fenomeni migratori che si svolgerà venerdì 13 novembre, a partire dalle 10 del mattino, alla MEM – Mediateca del Mediterraneo, in via Mameli 164 a Cagliari.
Il programma inizia con una tavola rotonda con la partecipazione di: Wanda Grilllo (Ministero degli Esteri), Donatella Della Ratta (esperta di media arabi), Annamaria Baldussi (Università di Cagliari, AIPSA Edizioni, Associazione Gilgamesh), Pino Cabras (Condirettore megachip.globalist.it). Introduce e modera l’incontro Raffaele Callia (Servizio Studi e Ricerche Caritas Sardegna). Intervengono gli autori Jérôme Ruillier e Muhammad Dibo.

Nel pomeriggio Bepi Vigna, Pino Cabras e Chiarastella Campanelli (Ed. Il Sirente)  a partire dalle ore 16.00,  propongono una riflessione sull’esperienza editoriale di Charlie Hebdo, sul concetto e valore del “rispetto” nelle diverse culture in relazione alla libertà di espressione.

Alle 17.00  Chiarastella Campanelli (Edizioni Il Sirente) presenta “Se ti chiami Mohamed”, graphic-novel che ricostruisce, con semplicità ed immediatezza, l’immigrazione maghrebina dal 1950 ad oggi, dell’autore francese originario del Madagascar, Jérôme Ruillier. Volume pubblicato con il patrocinio di Amnesty International.

Alle 18.00: Chiarastella Campanelli e Donatella Della Ratta presentano in anteprima nazionale, il romanzo “E se fossi morto?” (Edizioni Il Sirente) dello scrittore e poeta siriano Muhammad Dibo; con uno stile lucido e poetico al tempo stesso l’autore racconta “dall’interno” la controversa rivoluzione del popolo siriano.
Carlo Antonio Angioni (Associazione Artifizio) leggerà una selezione di brani del romanzo.

In esposizione una selezione di tavole originali tratte dalla graphic novel Etenesh l’odissea di una migrante (edizioni Becco Giallo) dell’autore Paolo Castaldi, che sarà ospite di Nues il 27 novembre alle ore 18.00, sempre alla MEM.

Maggiori informazioni sul sito web del Centro Internazionale del Fumetto


Lascia un commento